Eventi

In questa sezione potete trovare  le notizie, i fatti e gli eventi significativi della vita del nostro Istituto

Nella sala delle scuderie del Castello Ursino si è tenuto il Concerto di Quaresima, organizzato dal Liceo Statale G. Turrisi Colonna. Per l'occasione il maestro Fabio Raciti ha eseguito il Stabat Mater di G. B. Pergolesi, eseguito dall'orchestra di archi dell'Istituto insieme al soprano Angela Curiale, al mezzosoprano Patrizia Perricone e all'organista Paolo Cipolla. Alcuni momenti dell'evento  nelle foto seguenti.

Nella sala dei ricevimenti "V. Bellini" di Palazzo degli Elefanti, Municipio della Città di Catania, domenica 2 febbraio 2020, l'orchestra sinfonica " G. Turrisi Colonna" del Liceo Statale G. Turrisi Colonna di catania, diretta dal maestro Fabio Raciti, ha eseguito un ricco repertorio di brani di V. Bellini, G. Verdi e  W.A. Mozart. Il concerto dedicata alla Santa Patrona  San Agata, ha visto la partecipazione di tantissimi cittadini catanesi, e di turisti provenienti da ogni parte per assistere ai festeggiamenti Agatini. Le foto che seguono ritraggono alcuni momenti dell'evento.

 

 

 

 

Giovedì 26 Settembre 2019, presso l'ufficio del Dirigente scolastico Prof. Emanuele Rapisarda, la  Prof.ssa Paola Iannetti Giuffrida, in nome e in memoria del marito Prof. Giuseppe Maria Antonino Giuffrida, ha donato al Liceo G. Turrisi Colonna due defibrillatori. Nella stessa giornata  sono stati  istallati   nel locale adibito ad infermeria della sede centrale e in quello della sede succursale dell'Istituto.

Il Turrisi Colonna è tra le pochissime scuole ad essere inserite nel programma di apprendistato di primo livello, in particolare nel catalogo dell’offerta formativa in apprendistato: “Lo scopo che ci siamo prefissati di raggiungere con il nostro liceo è quello di superare la principale critica che viene mossa alla scuola, cioè lo iato esistente tra scuola e azienda”, afferma il preside del liceo, Emanuele Rapisarda, che aggiunge: “Accorciare le distanze, pertanto, tra scuola e azienda, aiutare i ragazzi ad inserirsi nel tessuto produttivo locale. Attraverso l’apprendistato vogliamo dare delle competenze trasversali ai nostri studenti per essere così più pronti nell’accesso all’università. La scuola non può più concepirsi nel modo tradizionale, come trasmissione di contenuti, di sapere. Le competenze di saper fare devono essere attenzionate. Con l’apprendistato si permette di curvare le competenze verso le reali esigenze delle aziende operanti sul territorio”.

Sono già tanti gli accordi esistenti con le aziende partner, come Decathlon, Romano Palace, Diplomatici, Wedding Sicily, Tree srls e ItalSpazio: “Grandi aziende operanti sul territorio di cui noi siamo molto orgogliosi”, afferma Antonio Caponnetto, docente referente del progetto: “Le imprese così hanno la possibilità di conoscere, a costo zero, potenziali talenti. Gli studenti, a partire dal quarto anno, potrebbero essere già assunti, con contratto di apprendistato dalle aziende. Lo studente, comunque, anche in presenza di contratto deve comunque diplomarsi e da quel momento scattano misure tecniche per fare in modo che il giovane studente, anche se lavoratore, possa completare gli studi, condizione necessaria affinché il sistema duale possa definirsi davvero completo”.

 

Giorno 16 marzo abbiamo concluso il ciclo di tre incontri con Giuseppe Riggio, giornalista e autore, tra l'altro, del saggio "L'Etna raccontata ai ragazzi". Gli incontri, organizzati dalla Commissione Biblioteca e rivolti alle classi prime e seconde del nostro Liceo, hanno visto una vivace  interazione tra i ragazzi e lo scrittore, che ha "contagiato" la platea con il proprio entusiasmo nei confronti del vulcano più alto d'Europa.  E' stata l'occasione per un confronto tra generazioni, e il tentativo di gettare un ponte tra esse: i montanari di cui si parla nel libro (contadini e scienziati, viticoltori, sacerdoti, casalinghe e guide alpine) hanno vissuto le proprie storie nel XX secolo, affrontando difficoltà che oggi apparirebbero insormontabili. Alle nuove generazioni di appassionati dell'Etna viene consegnata un'eredità da tutelare e valorizzare, ma prima di tutto da conoscere in tutti gli aspetti, antropici e naturalistici.

IMG 20190320 WA0005 IMG 20190320 WA0006

IMG 20190320 WA0004